Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Cerca
Non sei ancora registrato? Registrati qui
Condividi questa/o
X

Il ferro è importante!

 

L'importanza del ferro dai 6 mesi di vita ai 3 anni.

Venerdì 26 Febbraio 2016

I bambini sono un gruppo particolarmente a rischio poiché necessitano di elevate quantità di ferro per far fronte alla loro rapida crescita: è stato stimato che, a livello globale, circa il 25% dei bambini in età prescolare presenti anemia da carenza di ferro.

Ferro, un minerale a rischio di carenza

La carenza di vitamine e minerali interessa più di due milioni di persone nel mondo. I lattanti ed i bambini sono i gruppi più vulnerabili a causa dell’elevata quantità di vitamine e minerali di cui necessitano per la crescita rispetto al quantitativo di alimenti che effettivamente assumono. Il deficit di più vitamine e minerali, soprattutto se si verifica durante il periodo critico che va dal concepimento ai due anni di vita, può essere associato a conseguenze fisiche e cognitive che permangono anche negli anni successivi. In particolar modo, la carenza di ferro, che colpisce circa metà della popolazione globale, è il deficit nutrizionale più comune, ma fortunatamente, è anche quello maggiormente prevenibile.

Effetti funzionali del ferro

La vera e propria anemia da carenza di ferro, ma anche lo stato che la precede sono stati associati a numerosi effetti negativi per la salute del bambino. Il ferro, infatti, oltre ad essere cruciale per il trasporto dell’ossigeno ai tessuti, ha un ruolo di primo piano nel corretto funzionamento del sistema immunitario. Il ferro inoltre contribuisce al normale sviluppo cognitivo del bambino, a tal proposito, è stato dimostrato che i bambini con ridotte scorte di ferro hanno una riduzione delle performance cognitive in età scolare. A ciò si aggiunge il fatto che il ferro ha importanti effetti sul sistema immunitario: livelli sub-ottimali di ferro si associano ad ad una riduzione dell’attività delle cellule del sistema immunitario deputate alla resistenza alle infezioni (macrofagi, linfociti T). Nel bambino, quindi, una eventuale carenza di ferro deve essere seriamente presa in considerazione e, anzi, possibilmente prevenuta.

Linee guida e raccomandazioni

In base ad un recentissimo documento emesso dalla Società Europea di Gastroenterologia, Nutrizione ed Epatologia Pediatrica, i lattanti sani, nati a termine e di peso adeguato, se sono allattati al seno in modo esclusivo per i primi 6 mesi di vita, non richiedono una supplementazione con preparati a base di ferro. Nel caso di utilizzo di un latte formulato, i prodotti in commercio in genere, sono già arricchiti con ferro. Anche il divezzamento è un periodo molto delicato: l’Organizzazione Mondiale della Salute già nel 1998, sottolineava che nel periodo tra i 6 e gli 11 mesi di vita, è molto difficile assicurare un’introduzione di ferro in quantità adeguate, a meno che il bambino non assuma alimenti fortificati. Anche questo dato evidenzia l’utilità o, meglio, la necessità di un’alimentazione dedicata al bambino, con alimenti a “misura di bambino” appositamente fortificati. Sempre con l’obiettivo di ridurre il rischio di deficit di ferro, è consigliato ritardare l’assunzione del latte vaccino almeno dopo i primi anni di vita. Uno dei principali aspetti negativi dell’introduzione precoce del latte vaccino è la sua associazione con diminuiti depositi di ferro e con un aumento del rischio di carenza di ferro. L’assunzione di latte vaccino nei più piccoli infatti, può ridurre l’assorbimento del ferro, anche a causa del basso contenuto di lattoferrina e vitamina C, importanti per un adeguato assorbimento di questo minerale.

Alimentazione, consigli pratici per i più piccoli

Il ferro è contenuto sia in alimenti di origine animale (carne e pesce), che in alimenti di origine vegetale (verdure quali indivia, radicchio, spinaci, oppure legumi come lenticchie). Il ferro presente nei cibi animali (detto ferro-eme) ha una biodisponibilità maggiore rispetto alla forma di ferro (non-eme) di origine vegetale. L’assorbimento del ferro, inoltre, è favorito dalla vitamina C , mentre è inibito da alcune sostanze, come i fitati (contenuti nella soia), gli ossalati (presenti in spinaci e bietole), l’acido tannico (apportati ad esempio, dal tè) Per quanto riguarda specificatamente i lattanti, in mancanza del latte materno, su consiglio del pediatra, è necessario utilizzare latti formulati specificatamente per i primi 12 mesi di vita. Dopo il 1° anno, può essere opportuno utilizzare latti studiati per bambini da 12-24/36 mesi, rimandando invece l’introduzione del latte vaccino. Questi latti, detti latti di crescita, sono pensati appositamente per i le esigenze nutrizionali del bambino e contribuiscono a soddisfare i fabbisogni di ferro, inoltre apportano vitamina D ed acidi grassi polinsaturi (omega 3 e 6). Oltre ai latti formulati, anche alcuni cereali per l’infanzia (crema di riso, semolino, etc) sono arricchiti con ferro: il consumo giornaliero di questi alimenti potrebbe aiutare a raggiungere livelli di assunzione di ferro adeguati nei più piccoli.

 

Dott.ssa Elvira Verduci Pediatra e NutrizionistaRicercatore UniversitarioClinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università di Milano

 

Bibliografia

1)  LARN- Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana Revisione 2012. Documento di sintesi per il xxxv Congresso Nazionale SINU. Bologna, 22-23 ottobre 2012.

2) Domellof M, Braegger C, Campoy C, Colomb V, Decsi T, Fewtrell M, Hojsak I, Mihatsch W, Molgaard C, Shamir R, Turck D, van Goudoever J; ESPGHAN Committee on Nutrition: Iron requirements of infants and toddlers. J Pediatr Gastroenterol Nutr 2014, 58:119-29.

3) Ziegler EE. Consumption of cow's milk as a cause of iron deficiency in infants and toddlers. Nutr Rev 2011; 69(Suppl1): S37-42.

Leggi tutto

Entra nel club!

Un sacco di consigli e strumenti a portata di mano, nella tua casella e-mail ogni settimana.

  • Impara tutto sulla nutrizione al tuo personale ritmo
  • Prova tanti strumenti pratici studiati su misura per te
  • Ottieni un aiuto e le risposte che ti servono in poco tempo
  • Rimani aggiornato su sconti e coupon

Iniziamo!

Contenuti collegati